Recensione di Google ChargeMaker

Come funziona la ricarica domestica in 3 passaggi.

ChargeMakers stazione di ricarica per la ricarica domestica

condividi questo messaggio

Come funziona effettivamente la ricarica domestica in 3 passaggi. -> come l'elettricità va da casa tua all'auto attraverso la scatola dei fusibili.

Passaggio 1: la stazione di ricarica è collegata direttamente all'armadio del contatore di casa tua

Molte persone pensano che quando si ricarica a casa, un punto di ricarica sia una presa per un'auto elettrica. Questo è fondamentalmente vero. Ma hai principalmente un punto di ricarica per il sicurezza. Ma perché? Spieghiamo qui in 3 passaggi come l'elettricità va da casa tua, attraverso l'armadio del contatore, all'auto. Quello che fa un punto di ricarica è che è collegato con un cavo direttamente all'armadio del contatore di casa tua con il proprio gruppo e la propria dispersione verso terra. Quindi non usa un guasto a terra condiviso con altri gruppi della casa. Questo perché assorbe così tanta corrente, deve essere cablato separatamente e non dovrebbe avere prese. Collegare l'illuminazione del tuo giardino ad esso non è assolutamente un'opzione. La stazione di ricarica deve sapere esattamente con quanta potenza deve ricaricarsi e anche il fusibile nell'armadio del contatore deve essere regolato di conseguenza. Molto sicuro.

Step 2: dalla cassetta dei contatori, tramite il punto di ricarica, all'auto elettrica

Dall'armadio del contatore al punto di ricarica è ormai noto. Il punto di ricarica può sembrare una presa collegata con un cavo, ma ciò che un punto di ricarica deve anche essere in grado di comunicare con l'auto elettrica. Questa è una parte molto importante della sicurezza. Perché prima che l'auto inizi a caricarsi, prima fanno un cosiddetto 'stretta di mano' per provare se tutto è sicuro. Se è sicuro, l'alimentazione verrà applicata al cavo solo dal caricabatterie. In questo modo si evitano cavi allentati o simili. Se ciò dovesse accadere, il caricabatterie interverrà immediatamente e tu come utente riceverai una notifica.

Passaggio 3: traccia e regola la tua sessione di ricarica

Il fatto che un punto di ricarica fornisca principalmente sicurezza, è utile anche per tenere traccia delle sessioni di ricarica. Se vuoi poter saldare le sessioni di ricarica e i costi dell'energia elettrica, è utile anche una stazione di ricarica. È bene tenerne conto preventivamente nella scelta della stazione di ricarica. Perché non tutte le stazioni di ricarica possono sistemarsi.

Ne hai uno per l'insediamento stazione di ricarica intelligente necessario. Una stazione di ricarica intelligente necessita di una connessione Internet in grado di dialogare con un cosiddetto back office. Un back office è offerto da diverse società. Sottoscrivi un abbonamento con queste aziende. Questo abbonamento garantisce che il tuo caricabatterie venga letto da remoto in termini di sessioni di ricarica. Quindi quanti kWh vengono caricati in quanto tempo. Questo back office invia quindi una fattura al proprietario della carta di credito. Questo è spesso il datore di lavoro. Il datore di lavoro incassa quindi il denaro in questione e poi trasferisce tale importo al privato proprietario dell'auto elettrica.

Nessuno Step 4, ma uno Step down... da una normale presa come punto di ricarica!

A volte sentiamo che i conducenti di veicoli elettrici usano l'alimentazione da una normale presa. Lo sconsigliamo davvero. Se carichi il tuo veicolo elettrico per dieci ore tramite il 'caricatore della nonna' allora può darsi che con una presa normale si sciolga. Inoltre, ci sono filiali nel gruppo qui. Di conseguenza, una presa non è predisposta per la ricarica di un'auto elettrica e quindi non è sicura.

In sintesi, perché una stazione di ricarica è meglio attrezzata per un veicolo elettrico:

  1. Una stazione di ricarica ha il proprio cavo e nessuna diramazione
  2. Può intervenire interrompendo la sessione di ricarica
  3. Può essere ritardata la ricarica e la maggior parte delle stazioni di ricarica può facilmente stabilizzarsi

Ricarica a casa e costi energetici elevati... La ricarica ritardata può essere d'aiuto

Un ultimo punto di grande attualità, ovvero la ricarica domestica e gli alti costi energetici. Perché anche se ricaricare a casa con una stazione di ricarica corretta è ovviamente molto piacevole. Questo a sua volta può portare a costi energetici più elevati e anche a un carico aggiuntivo sulla rete energetica? Per evitare questo è caricamento ritardato una buona soluzione. Quindi non ricarichi il tuo veicolo elettrico alle 18:00 quando tutti usano la rete, ma nel cuore della notte. Facile da configurare, migliore per l'ambiente e per il tuo portafoglio. Leggi anche i nostri altri suggerimenti su questo nell'articolo 'Addebito posticipato in modo sostenibile come soluzione per gli alti prezzi dell'energia'.

Informazioni su ChargeMakers

ChargeMakers offre consulenza indipendente, noleggia, vende e installa i punti di ricarica più adatti ad ogni situazione. A casa, in ufficio, a un evento o in viaggio. Siamo felici di aiutare i clienti a ottenere un'esperienza elettrica ottimale e sostenibile. ChargeMakers è impegnata nella sostenibilità, motivo per cui abbiamo stretto una partnership con WoodYouCare. WoodYouCare pianta un albero per ogni stazione di ricarica venduta.

Ottieni gli aggiornamenti di ChargeMakers

E tieniti informato su ricarica (temporanea) e mobilità elettrica

Altre notizie su ChargeMakers

Easee-ChargeMakers-Front-Cover-Red
Notizia

Divieto di vendita di Easee nei Paesi Bassi

A partire dal 18 aprile 2023, è in vigore un divieto di vendita per i caricabatterie Easee nei Paesi Bassi in attesa di una sentenza definitiva da parte dell'Ispettorato nazionale per le infrastrutture digitali (RDI).

Pronto per caricare? Ti aiutiamo a scegliere

Con consigli pratici e le nostre Top 3 puoi facilmente fare una scelta.

Scorri verso l'alto